Nonostante la nostra cultura occidentale sia progredita arrivando a contemplare la donna come detentrice di molteplici ruoli privati e sociali, la nascita di un figlio rimane comunque uno dei grandi obiettivi per una donna e una coppia.
Tuttavia, per alcune coppie, il desiderio di gravidanza si scontra con frustrazioni, fallimenti e difficoltà che non erano state messe in preventivo prima.
Grazie ai dati statistici a disposizione sappiamo che in Italia  la donna dopo i 34/35 anni va incontro ad una sensibile diminuzione della fertilità, fino ad arrivare ai 40/44 anni dove abbiamo circa la metà delle coppie colpite da infertilità.
Le coppie con questa diagnosi, qualora decidano di ricorrere a trattamenti di Procreazione Medicalmente Assistita, dovranno percorrere una strada fortemente  impegnativa sia dal punto di vista fisico sia dal punto di vista psicologico.
La consapevolezza dei vissuti di queste coppie e il desiderio di capire come la figura dello Psicologo si collocasse all’interno di questo fenomeno, attraverso la voce di coloro che ne hanno avuto esperienza diretta, sono le motivazioni principali che hanno spinto il team di Fecondità Serena ad aprire questo sondaggio online.
Il sondaggio si può suddividere in tre sezioni distinte con degli obiettivi specifici, la prima sezione indaga gli aspetti anagrafici con maggiore attenzione nei confronti dell’età, della provenienza e dei dati che ci avrebbero permesso di costruire una cornice all’interno della quale poter ben interpretare tutti i dati raccolti.
La seconda sezione riguarda l’indagine specifica sugli aspetti della Procreazione Medicalmente Assistita, qualora fosse stata la scelta eletta dalla coppia. Per noi è stato fondamentale indagarne le tempistiche e capire in termini temporali come si distribuissero i tentativi effettuati prima di un esito positivo del trattamento.
La terza e ultima sezione è la più interessante per la nostra categoria professionale, in quanto sono state effettuate domande mirate alla comprensione del ruolo dello psicologo all’interno del percorso, la sua importanza, la sua integrazione all’interno della rete multidisciplinare che entra in campo nella riproduzione umana e la sua preparazione.
Se volete approfondire i risultati del sondaggio che mettiamo a disposizione, troverete tutti i dati completi e alla fine le nostre riflessioni sul possibile miglioramento del nostro lavoro e in generale su tutta la rete coinvolta per poter fornire alle coppie il miglior sostegno possibile e per mettere le migliori competenze al loro servizio.

Un sentito ringraziamento va a tutti coloro che hanno dato il loro prezioso contributo a questo sondaggio, prestandoci un po’ del vostro tempo per la compilazione avete dato un grande aiuto al nostro lavoro. Grazie a voi abbiamo raccolto dati indicativi che ci permetteranno di incrementare la qualità del nostro operato.

Dott.ssa Daniela De Cesario
Dott.ssa Giulia Gallinari
Dott.ssa Chiara Mondin